shop-cart

Leggi: Conto termico Camini e Stufe: come funziona, calcolo incentivi privati 2018

Conto termico Camini e Stufe: come funziona, calcolo incentivi privati 2018

Conto termico Camini e Stufe: come funziona, calcolo incentivi privati 2018


Il Conto Termico 2018 ti fa risparmiare fino al 65% sulla sostituzione della vecchia stufa – caminetto o caldaia – con prodotti di ultima generazione ricevendo la somma dell’incentivo direttamente sul tuo conto corrente entro due mesi dalla pratica!

Non solo. Oltre al Conto Termico esiste un’altra valida soluzione per risparmiare sull’impianto di riscaldamento di casa tua: le detrazioni fiscali, dedicate alle ristrutturazioni edilizie e alla riqualificazione energetica.

Sai cosa sono e come usufruire del Conto Termico e delle detrazioni fiscali? Continua a leggere: ti spiegheremo come ottenere un risparmio importante sull’installazione del tuo nuovo impianto di riscaldamento contribuendo a ridurre l’inquinamento atmosferico, tutelando l’ambiente.

risparmio impianto riscaldamento

Conto Termico 2.0, cos’è?

Lo scopo principale del Conto Termico 2.0 è incentivare la produzione di energia termica da fonti rinnovabili ed ecosostenibili.

Il riscaldamento domestico incide sulle emissioni di gas serra in atmosfera. Per questo motivo il Governo ha deciso di premiare tutti coloro che sostituiranno le vecchie stufe e camini con apparecchi di ultima generazione in grado di garantire basse emissioni, alti rendimenti energetici e un risparmio costante nel tempo.

Più in generale, il Governo ha messo in atto una serie di iniziative destinate ad aiutare l’ambiente e favorire nel contempo anche la diminuzione del consumo energetico globale. Se anche la sostituzione del tuo impianto non dovesse rientrare nei requisiti del Conto Termico, niente paura: è molto probabile che tu possa ricorrere alle detrazioni fiscali.

Chi può richiedere gli incentivi del Conto Termico 2018, a quanto ammontano i fondi destinati all’iniziativa e quanto durano?

Al Conto Termico 2018 possono accedere principalmente privati cittadini e imprese e per loro è stato istituito un fondo di 700 milioni di euro annui. Si tratta di una somma considerevole, ma dato il successo della manovra, si sta esaurendo rapidamente. Conviene affrettarsi!

Dall’avvio del meccanismo al 1° ottobre 2018, risultano ammesse all’incentivo circa 137 mila richieste.

Quali percentuali di rimborso copre il Conto Termico 2.0?

Il Conto Termico prevede incentivi che variano fino al 65% della spesa sostenuta, installazione compresa.

Vediamo nel dettaglio come sono ripartiti:

  •  fino al 65% per la sostituzione di impianti tradizionali con apparecchi a biomassa, caldaie, e sistemi ibridi a pompe di calore e impianti solari termici
  • fino al 65% per la demolizione e ricostruzione di edifici a energia quasi zero

Se lo desideri puoi approfondire questo particolare aspetto nel sito GSE,  la società che si occupa della gestione del Conto Termico e dell’erogazione degli incentivi.

Desideri affidarti ad un esperto che ti spieghi come poter usufruire del Conto Termico 2018?

Cosa rientra nel Conto Termico 2.0 per privati e aziende?

Privati e aziende possono utilizzare il Conto Termico 2018 per:

  • Sostituzione di caldaie e stufe a biomasse
  • Installazione di solare termico
  • Installazione di scaldabagno e pompa di calore
  • Installazione di impianti ibridi a pompa di calore
  • Installazione di pompe di calore

Conto Termico per stufe a pellet, a legna o camini

Una delle situazioni più diffuse nell’applicazione del Conto Termico riguarda la sostituzione di vecchie stufe o caminetti aperti (non nuove installazioni).

Se possiedi una stufa, una caldaia o un caminetto alimentati a biomassa, carbone, olio combustibile o gasolio puoi sostituirli con una stufa a pellet o a legna, con una caldaia a pellet o con un termocamino a pellet di ultima generazione, che riducono le emissioni nell’atmosfera e sono più convenienti.

Grazie agli incentivi (o alle detrazioni fiscali), le operazioni di rinnovo dell’impianto di riscaldamento ti costeranno poco mentre la maggiore efficienza della nuova stufa, della caldaia, o del termocamino ti garantirà un risparmio che dura nel tempo nel totale rispetto dell’ambiente.

Scopri tutte le stufe e termocamini a pellet, caldaie a pellet, stufe a legna che possono usufruire del conto termico

Le stufe a pellet idro possono sostituire la caldaia dell

Come si calcola l’incentivo per privati? Esempi reali

Il calcolo dell’incentivo per privati del Conto Termico tiene conto di alcune informazioni tecniche tra le quali:

  1. potenza termica nominale (kW)
  2. rendimento (%)
  3. particolato primario PP (mg/Nm3)

Il contributo varia in base a: potenza del nuovo apparecchio (più alto è il rendimento, maggiore è il contributo); emissioni in atmosfera (meno inquina, maggiore è il contributo); fascia climatica in cui viene installato (dove fa più freddo il contributo è maggiore).

Per conoscere in quale zona climatica rientra il tuo comune puoi guardare qui; mentre gli importi rimborsabili dal Conto Termico per i prodotti Piazzetta suddivisi per fascia climatica li trovi a questo link. Vediamo ora nel dettaglio alcuni esempi reali.

Esempio 1

Vuoi sostituire la tua vecchia stufa a pellet con una nuova? Il modello P963 M ha un prezzo medio di 3.640 Euro (IVA compresa). Se il tuo comune appartiene alla zona climatica F recuperi fino a 1.755 Euro, se rientri in zona climatica C l’incentivo copre 1.072 Euro.

Esempio 2

Desideri una stufa a legna? Il nostro modello E 928 costa mediamente 3.240 Euro (IVA compresa). Se l’immobile si trova in zona climatica C recuperi 1.060 Euro, ma se rientri in zona climatica F l’incentivo sale a 1.735 Euro.

Esempio 3

Per l’acquisto di una caldaia a pellet CP 26 (prezzo medio di vendita di 4.730 Euro, IVA compresa) se il tuo comune di residenza si trova in fascia B ti vengono rimborsati 2.387 Euro. Considerando però che il massimo rimborsabile è il 65% del costo sostenuto, nel caso di questo esempio – con il costo della sola caldaia – se tu fossi in zona climatica C oppure F, in entrambi i casi ti verrebbero riconosciuti 3.075 Euro (il 65% di 4.730 Euro).

stufa pellet p963 maiolica

Stufa a pellet P 963 M

stufa legna e928 maiolica

Stufa a legna E 928

caldaia pellet cp 26

Caldaia a Pellet CP 26

Tieni presente che gli incentivi del Conto Termico, oltre a coprire le spese sull’acquisto del prodotto, includono anche:

  1. lavori per lo smontaggio e la dismissione dell’impianto esistente, parziale o totale, inclusi ritiro e smaltimento del vecchio generatore
  2. fornitura e la posa in opera delle apparecchiature termiche, meccaniche, elettriche ed elettroniche necessari all’impianto
  3. eventuali opere idrauliche e murarie necessarie per l’installazione a regola d’arte
  4. interventi sulla rete di distribuzione e sui sistemi di trattamento dell’acqua, sui dispositivi di controllo e regolazione
  5. eventuali prestazioni professionali connesse alla realizzazione
  6. sistemazione della canna fumaria

Le modalità di rimborso dipendono dal tipo di intervento e della sua dimensione e se la quota rimborsata non supera i 5.000 Euro viene versato tramite bonifico comodamente sul tuo conto corrente in un’unica rata entro 2 mesi dall’accettazione della domanda

Pratica Conto Termico: a chi mi devo rivolgere e quanto costa?

L’ente che gestisce gli incentivi è il GSE (Gestore dei Servizi Energetici), qui trovi tutta la documentazione necessaria. Non preoccuparti, per l’avvio della pratica puoi rivolgerti al tuo rivenditore di fiducia che se ne occuperà direttamente o in caso ti potrà dare tutte le informazioni necessarie.

È importante però ricordare che la richiesta deve essere presentata entro 60 giorni dalla fine dei lavori (si chiama “Accesso diretto”) pena l’esclusione.

La pratica del Conto termico richiede la conoscenza di alcuni aspetti tecnici e la preparazione dell’apposita documentazione, è necessaria quindi la presenza di un tecnico specializzato che esegua e certifichi il lavoro svolto.

Se hai bisogno di informazioni relative alla compilazione o se desideri ricevere assistenza nella compilazione della pratica del Conto Termico

Detrazione Fiscale per stufe e caminetti: quanto si risparmia

Non solo Conto Termico: puoi utilizzare – in alternativa – la detrazione fiscale per gli interventi di risparmio energetico di casa tua. In pratica puoi inserire nella dichiarazione dei redditi i costi sostenuti e ti verrà restituita buona parte della somma che hai speso inizialmente.

Quanto ti verrà rimborsato? Dipende dal tipo di detrazione.

Nel caso di stufe e caminetti le agevolazioni sono sostanzialmente di due tipi:

  • detrazione Irpef del 50% dedicata alle ristrutturazioni edilizie, nel cui ambito rientra anche l’acquisto o la sostituzione di caldaie a legna o a pellet, caminetti e stufe a legna o a pellet
  • detrazione Irpef del 50% dedicata alla riqualificazione energetica e consente la sostituzione o la nuova installazione di focolari a legna o pellet, anche ad integrazione di un impianto di riscaldamento già esistente

Ricorda che in entrambi i casi avrai bisogno di una certificazione rilasciata da un tecnico specializzato.

Affrettati, questo pacchetto di iniziative, che rientra nel ben più ampio ventaglio di azioni di efficientamento energetico chiamato Ecobonus 2018, è valido fino al 31 dicembre 2018.

 

Scopri nel dettaglio quali sono gli interventi ai quali puoi applicare la detrazione Irpef o Ires 2018

Chi può richiedere le detrazioni fiscali per camini e stufe?

Possono usufruire della detrazione stufa a pellet tutti i contribuenti residenti e non residenti che possiedono l’immobile in cui avverrà l’intervento di risparmio o riqualificazione energetica.

Come viene erogata la detrazione della stufa nel 730?

L’accredito per le detrazioni avviene in 10 rate annuali sotto forma di detrazione dall’imponibile lordo IRPEF.

Come ottenere la detrazione?

Per ottenere la detrazione il pagamento della prestazione deve essere effettuato con bonifico bancario o postale (a meno che l’intervento non sia realizzato nell’ambito dell’attività d’impresa). Nel bonifico vanno indicati:

  1. causale del versamento
  2. codice fiscale del beneficiario della detrazione
  3. numero di partita Iva o il codice fiscale del soggetto a favore del quale è stato eseguito il bonifico (ditta o professionista che ha effettuato i lavori)

Se non sei sicuro di sapere quale sia la causale del versamento, scarica il PDF della Guida alle agevolazioni fiscali per ristrutturazioni edilizie 2018.

Dal 1 gennaio 2018, inoltre, per ottenere le detrazioni fiscali è necessario inviare un’apposita comunicazione all’ENEA.

Conto Termico e detrazione fiscale 2018 per stufe a pellet, a legna e caminetti

Conto Termico e detrazioni fiscali sono le iniziative messe in atto dal governo per favorire l’utilizzo di impianti di riscaldamento – come caldaie a biomassa, stufe a pellet o legna, termocamini ecc (ma non solo) – alimentati con fonti di energia rinnovabile a basso impatto ambientale, sicuri ed efficienti.

Scarica queste note informative sul conto termico in formato pdf: troverai una sintesi delle informazioni più importanti per poter utilizzare al meglio i contributi.

Non perdere questa opportunità. Sia nel caso del Conto Termico sia nel caso delle detrazioni fiscali potrai beneficiare di incentivi importanti fino al 65% della spesa totale sostenuta: ricordati però che non puoi utilizzarli entrambi, uno esclude l’altro.

Affidati a personale competente e specializzato che risolverà ogni tuo dubbio



Salva nei preferiti


Altri articoli sulla categoria Risparmio